Invia la tua richiesta di partecipazione al programma Matter Private Beta per iniziare a sviluppare app e dispositivi Matter nella Console per gli sviluppatori di Google Home. Richiedi ora

Monitorare le interruzioni della smart home

1. Prima di iniziare

Come abbiamo visto nel codelab sul debug della smart home, stiamo pubblicando metriche e log nei tuoi progetti Smart Home. Le metriche ti aiutano a determinare dove l'azione smart home sta riscontrando problemi e i log sono utili per fare un'analisi approfondita di questi problemi.

dd44868a4ff2df6e.png

Puoi configurare avvisi utilizzando le metriche fornite per il progetto per monitorare le interruzioni in modo automatico e ricevere notifiche durante le interruzioni del servizio. Stiamo pubblicando una metrica di confidenza per evidenziare le interruzioni del progetto, che tratteremo in questo codelab insieme a tutti gli altri strumenti di avviso disponibili su Google Cloud Platform.

Prerequisiti

Cosa imparerai a fare:

  • Come monitorare i problemi di prestazioni e le interruzioni di servizio sul tuo progetto.
  • Come creare un avviso basato sulla soglia e ricevere notifiche in caso di interruzioni.
  • Come utilizzare la metrica di confidenza fornita al tuo progetto per rilevare le interruzioni.

2. Monitoraggio del rendimento

Il monitoraggio delle prestazioni è fondamentale per un'integrazione efficace con l'ecosistema smart home di Google. Stiamo fornendo una serie di strumenti di monitoraggio agli sviluppatori di smart home su Google Cloud Platform. Puoi usare questi strumenti per farti un'idea delle prestazioni del tuo progetto.

Accesso alle dashboard

Il primo passaggio per accedere ai tuoi dati è controllare le dashboard di Google Home, accedendo a Google Cloud Console e andando alla sezione Operazioni > Monitoring > Dashboards. Vedrai che sono disponibili diverse dashboard, mentre quelle per la smart home sono dotate di un prefisso di Google Home Analytics.

317697e52ced2437.png

Abbiamo creato singole dashboard per rappresentare ogni tipo di integrazione. Le integrazioni Cloud, Local e Matter hanno una propria dashboard e i dati per i protocolli di streaming della videocamera sono forniti nella dashboard della qualità della videocamera. Queste dashboard conterranno dati solo se hai un'integrazione del tipo corrispondente, insieme a un progetto funzionante che soddisfa le richieste.

Quando apri una di queste dashboard, la visualizzazione che ottieni sarà la seguente:

f8bfd69286c569a4.png

Le dashboard contengono vari grafici che mostrano i dettagli delle richieste gestite dal tuo progetto. Con ogni dashboard di integrazione, vedrai un grafico che mostra il numero totale di richieste gestite dal tuo progetto, un grafico che mostra la percentuale di successo per quel tipo di integrazione e diversi grafici che mostrano i tipi di dispositivi e le caratteristiche coinvolte.

Esistono tre grafici fondamentali per valutare il rendimento delle tue azioni della smart home:

f511fafd3aaaa1eb.png

Durante le interruzioni, vedrai in genere una diminuzione delle percentuali di successo e un aumento del grafico di analisi degli errori. Il monitoraggio della percentuale di successo dell'esecuzione consente di notare l'interruzione, ma esaminare i principali errori nell'analisi degli errori può essere utile per il debug. Potresti inoltre osservare un aumento della latenza durante le interruzioni, che puoi vedere nei grafici della latenza delle richieste.

Tieni presente che la visualizzazione predefinita con i grafici visualizzati nelle dashboard di Google Home Analytics è solo una vista che abbiamo creato per il tuo progetto utilizzando i dati delle metriche della smart home. Puoi anche utilizzare Metrics Explorer per creare grafici personalizzati dalle stesse metriche sottostanti e salvarli nelle tue dashboard personalizzate.

Metrics Explorer

Metrics Explorer è uno strumento che consente di visualizzare le sezioni trasversali del set di dati del progetto. Lo strumento è accessibile in Google Cloud Console andando su Operations > Monitoring > Metrics Explorer.

Google Cloud offre diverse metriche pronte all'uso, incluse alcune non correlate alla smart home. Le metriche che forniamo per la smart home sono elencate nella sezione "actions.googleapis.com/smarthome_action/..." risorsa e possono essere facilmente cercate digitando "quot;smarthome" nella casella di selezione delle metriche.

538d851edfd34764.png

Cercando "smarthome" puoi vedere tutte le metriche relative alla smart home che forniamo per il tuo progetto. Puoi trovare informazioni dettagliate su ognuna delle nostre metriche nella pagina Monitoraggio e logging della nostra documentazione.

Quando si tratta di monitorare il tuo progetto, la metrica più semplice a cui fare riferimento è la metrica Conteggio delle richieste, ovvero una metrica delta. Questa metrica registra una voce per ogni esecuzione della smart home avviata dagli utenti e registra campi come tipo di dispositivo, tratto, tipo di esecuzione associato all'esecuzione e campo di stato che mostra il risultato.

Se selezioni questa metrica, viene visualizzata una schermata che mostra ciascun bucket di dati simile al seguente:

b1c18141d15a0e09.png

Essenzialmente, per ogni combinazione di etichette dati presenti in questa metrica esiste un bucket che registra la modifica (delta) tra gli intervalli di tempo precedenti e attuali. Puoi raggruppare o filtrare questi bucket per ottenere la porzione di dati che ti interessa. Inoltre, i dati sono allineati in intervalli di tempo selezionati con una funzione di allineamento (DELTA, MEAN, MEDIAN, SOMMA). Se non diversamente richiesto, in genere utilizzi l'allineamento Delta con una metrica delta.

Puoi creare la maggior parte dei grafici disponibili nelle dashboard di Google Home Analytics utilizzando Metrics Explorer e salvare i grafici per accedervi in un secondo momento in una dashboard personalizzata. Per ottenere visualizzazioni più complesse, come un grafico delle proporzioni, è necessario utilizzare MQL - Monitoring Query Language.

3. Parametri di successo

Per monitorare il successo dell'integrazione, puoi utilizzare la percentuale di successo calcolata dalla metrica del conteggio delle richieste come indicatore di riferimento oppure la percentuale di successo per un approccio più specializzato.

Percentuale di successo

La percentuale di successo viene calcolata per tutte le integrazioni dividendo il numero di richieste andate a buon fine a tutte le richieste. Puoi accedervi dal grafico Percentuale di successo di evasione nella dashboard di Google Home Analytics.

55ea8930fbf48d9e.png

Il grafico Percentuale di successo di completamento è molto utile per monitorare il rendimento del tuo progetto, ma non molto quando si creano le tue dashboard personalizzate o configuri gli avvisi. Poiché la percentuale di successo è ricavata dalla metrica di conteggio delle richieste e non da sola, dovrai ricrearla utilizzando MQL (Monitoring Query Language) in Metrics Explorer per utilizzarla con entrambe le funzionalità.

Inoltre, per monitorare le interruzioni delle prestazioni del progetto, riteniamo che sia necessario un approccio molto più specializzato. Ecco perché abbiamo creato la metrica di affidabilità che cambia in base a quanto l'attuale tasso di evasione degli ordini differisce dalle norme storiche.

Metrica di confidenza

Le interruzioni possono esistere in forme e dimensioni diverse per i progetti. Possono durare diverse ore o anche solo pochi minuti e ciò può rendere difficile identificarli. Per questo motivo abbiamo creato la metrica Fiducia nel progetto, che fornisce un valore normalizzato per prevedere l'affidabilità in base al rendimento passato. Per accedere alla metrica di affidabilità, cerca la smart home in Explorer metriche, quindi seleziona Affidabilità esecuzione riuscita.

ab467a1777281526.png

Quando l'integrazione con la smart home ha un rendimento storico pari o superiore a quello medio (7 giorni), questa metrica genera il valore massimo (1,0). Quando la percentuale di successo devia per un fattore superiore a 4 deviazioni standard (calcolate anche in 7 giorni), questa metrica restituisce il valore minimo (0,0). Nei casi in cui le deviazioni standard sono troppo piccole (inferiore al 2,5%), questa metrica basa il valore 0,0 su un calo del 10% sulla percentuale di successo.

Per tutti i casi tra un caso e l'altro, questa metrica fornisce valori compresi tra 1,0 (perfettamente sicuro che non ci sono interruzioni) e 0,0 (confidenza massima che si verifica un'interruzione).

Pertanto, quando imposti un avviso (disponibile nella sezione successiva), ti consigliamo di basare il valore su 0,5 come soglia. Ciò corrisponderà a due deviazioni standard, o a un calo del 5%, a seconda del valore più alto.

4. Configurazione degli avvisi

Il passaggio successivo consiste nel utilizzare tutto ciò che hai appreso nella sezione precedente per impostare gli avvisi sul tuo progetto.

Creazione di un criterio di avviso

Gli avvisi automatici su Google Cloud Platform vengono impostati mediante i criteri di avviso. Puoi accedere ai criteri di avviso dal menu laterale, scheda Operazioni > monitoraggio > avvisi. Puoi creare un nuovo criterio di avviso selezionando l'opzione +CREA CRITERIO per accedere alla schermata di creazione del criterio di avviso:

6e417d88c2274b3d.png

Per creare un criterio di avviso sono necessari tre passaggi. Per prima cosa, devi determinare gli elementi da monitorare aggiungendo una condizione. Premendo il pulsante ADD CONDITION verrà visualizzata una finestra simile a Metrics Explorer, con alcuni controlli aggiuntivi per la configurazione della condizione:

df1ccf7da741e1c7.png

Per quanto riguarda il target, seleziona la metrica di confidenza che abbiamo trattato nella sezione precedente. Assicurati che l'aligner sia impostato su delta utilizzando questa metrica (Show Advanced Options > Allineaer). Il passaggio successivo consiste nel configurare la condizione di avviso e utilizzare le seguenti impostazioni:

4192e0f4ea00dd28.png

Attivatori di condizioni: è la configurazione principale per determinare quando attivare gli avvisi. Seleziona Qualsiasi serie temporale in violazione per impostare una soglia per la metrica e monitorare se il valore viene barrato.

Condizione: vogliamo che l'avviso venga attivato quando il valore scende al di sotto della soglia, quindi lo imposteremo su è inferiore a. Con la nostra metrica, 1,0 significa che l'integrazione funziona correttamente e 0,0 indica un'interruzione definitiva.

Soglia: abbiamo creato la metrica di affidabilità per fornire risultati migliori quando questo valore è impostato su 0,5. Se vuoi ricevere avvisi più frequenti e ricevere notifiche meno frequenti, puoi provare ad aumentare questo valore (massimo 1,0). Successivamente, se vuoi ricevere meno avvisi, solo per problemi più gravi, puoi provare a ridurre questo valore (min 0,0).

Per: questa è l'impostazione che consente di identificare la durata dell'interruzione prima di ricevere un avviso. Ti consigliamo di mantenere questa impostazione al valore più recente per ricevere un avviso in caso di superamento della soglia. La metrica relativa alla fiducia viene pubblicata ogni 15 minuti, tenendo conto dei risultati medi ottenuti in quel periodo.

Una volta completata l'aggiunta di una condizione, il passaggio successivo è selezionare il canale di notifica. Il metodo più semplice per ricevere le notifiche sono gli avvisi via email. Puoi scegliere un indirizzo email nel menu a discesa Canali di notifica:

3cc10629830e7f13.png

Se selezioni l'opzione Invia notifica sulla chiusura dell'incidente, verrà inviata un'altra notifica dopo che l'incidente è stato contrassegnato come chiuso. In tal caso, devi anche selezionare una durata di chiusura automatica incidenti, specificata per impostazione predefinita come 7 giorni.

Il passaggio finale consiste nel assegnare un nome all'avviso e aggiungere la documentazione che vuoi includere nelle notifiche.

686fb1c537fee10.png

Ti consigliamo di fornire la documentazione, specialmente se non sei tu a ricevere l'avviso. Aggiungere passaggi come dove controllare durante un incidente e come valutare ed eseguire il debug può essere utile durante un'interruzione. Se necessario, puoi consultare la nostra guida per la risoluzione dei problemi.

Una volta salvato, il criterio di avviso sarà elencato nella sezione Criteri della pagina Avvisi.

c71a001e4df035ee.png

5. Interruzioni per mitigazione

Una volta configurati gli avvisi, riceverai una notifica durante le interruzioni dei canali di notifica che hai fornito e verrà creata una voce relativa all'incidente nella pagina Avvisi.

Ricezione avvisi

Il canale di avviso fornito in questo codelab era un'email. Una volta impostato, potresti non ricevere alcun avviso (se non ci sono interruzioni), ma se scegli di farlo riceverai le seguenti notifiche:

43217b0a145c2cd.png

La notifica di avviso fornisce il valore osservato che supera la soglia specificata, nonché un timestamp che indica la data di inizio dell'incidente.

Monitoraggio degli incidenti

Gli incidenti si verificano anche nella sezione Incidenti della pagina Avvisi.

fdd883a9604ed981.png

Puoi fare clic sull'incidente specifico per visualizzare i dettagli relativi all'interruzione, ad esempio la durata o la gravità.

Ricorda che, man mano che ricevi avvisi, il primo passo da fare è esaminare le metriche, quindi cercare nei log gli errori che hanno contribuito all'interruzione. Puoi fare un ripasso su come eseguire queste operazioni nel codelab sul debug della smart home.

6. Complimenti

17d485868a6771bc.png

Complimenti! Hai imparato a configurare gli avvisi utilizzando le metriche fornite per il progetto per monitorare le interruzioni in modo automatico e ricevere notifiche durante le interruzioni del servizio.

Passaggi successivi

Partendo da questo codelab, prova i seguenti esercizi ed esplora le risorse aggiuntive:

  • Puoi combinare quanto appreso in questo codelab con altre metriche fornite al tuo progetto. Puoi visualizzare l'elenco completo delle metriche disponibili nella sezione Metriche supportate della pagina Monitoraggio e logging.
  • Esplora altri tipi di canali di notifica per gli avvisi illustrati nella pagina Opzioni di notifica della documentazione di Google Cloud Platform.